JavaScript: Le variabili.

Client_JS

Qualsiasi linguaggio di programmazione ha come concetto fondamentale la “variabile” che viene posta in primo piano su tutti gli altri concetti dei linguaggi di programmazione. Con il termine “variabile” si intende una porzione di memoria all’interno della quale vengono conservate alcune informazioni necessarie per lo svolgimento delle operazioni di un programma software. Per assegnare un valore ad una variabile in Javascript è molto semplice, vediamo un esempio di assegnazione:

var nomeVariabile;
nomeVariabile = "contenuto";

oppure:

var nomeVariabile = "contenuto";

Attraverso var abbiamo creato la variabile ed in seguito l’abbiamo valorizzata. In realtà la dichiarazione della variabile, attraverso la clausola var, avrebbe potuto essere omessa in quanto Javascript non prevede la dichiarazione obbligatoria delle variabili. Quindi avremmo potuto scrivere semplicemente:

nomeVariabile = "contenuto";

La sintassi dell’assegnazione del valore ad una variabile è elementare, da sinistra a destra abbiamo:

  • il nome della variabile;
  • l’operatore di assegnazione (=);
  • il valore assegnato.

Seguono alcune considerazioni importanti:

  • Javascript è case-sensitive, questo significa che una variabile chiamata “miavariabile” sarà differente da un’altra variabile chiamata “MiaVariabile”;
  • il nome della variabile:
    • non deve coincidere con una delle parole chiave del linguaggio;
    • non può iniziare con un numero;
    • non può contenere uno spazio;
    • non può contenere caratteri speciali come, ad esempio, il punto (.) ed il trattino (-).
  • il valore assegnato deve essere contenuto all’interno dei doppi apici (“) o apici singoli (‘) se si tratta di una stringa; non servono se il valore della variabile è numerico, NULL o booleano.

NOTA: abbiamo appena detto che le stringhe vanno sempre racchiuse tra doppi apici (“) o apici singoli (‘). Ma come possiamo fare se è la stessa stringa a dover contenere uno di questo due caratteri? Le soluzioni sono due: 1) Se la nostra stringa contiene apici singoli racchiudiamola all’interno di doppi apici, o viceversa; 2) Più correttamente impariamo ad utilizzare il carattere backslash o carattere di escape, in questo modo:

var str1 = 'Oggi serve l\'ombrello';
var str2 = "Marco ha detto: \"ciao a tutti\"";

Tipi di dato: il valore delle variabili.

Le variabili in Javascript possono assumere differenti valori:

  • stringa di testo;
  • valore numerico (intero o decimale);
  • valore booleano (true/false);
  • valore NULL;

Un tipo particolare di variabile è rappresentato dai vettori o array ma questo argomento verrà affrontato in una lezione successiva di questa mia guida alla programmazione JavaScript.

Altri operatori di assegnazione.

Se si lavora con variabili numeriche, oltre all’uguale è possibile usare anche altri operatori di assegnazione, e cioè:

+=

E’ un operatore incrementale e viene usato così:

x += y;

Questa sintassi equivale a:

x = x + y;

NOTA: Questo operatore può essere utilizzato anche per le variabili stringa che, ovviamente, non vengono sommate ma concatenate.

-=

E’ un operatore decrementale e viene usato così:

x -= y;

Questa sintassi equivale a:

x = x - y;

*=

E’ un operatore di moltiplicazione e viene usato così:

x *= y;

Questa sintassi equivale a:

x = x * y;

/=

E’ un operatore divisionale e viene usato così:

x /= y;

Questa sintassi equivale a:

x = x / y;

%=

E’ un operatore modulare e viene usato così:

x %= y;

Questa sintassi equivale a:

x = x % y;

variabili locali e variabili globali.

Le variabili possono essere locali o globali, le prime servono a dichiarare un valore che verrà conservato in memoria per l’utilizzo della funzione o della routine in cui viene dichiarata, le seconde, al contrario, vengono dichiarate all’inizio di un blocco di script e possono essere utilizzate da una molteplicità di funzioni e routine.

Vediamo un esempio di variabile locale:

function mia_funzione() {
  var miaVariabile = 123;
  alert(miaVariabile);
}

In questo caso la nostra variabile miaVariabile esiste solo all’interno della funzione.

Vediamo adesso un esempio di variabile globale:

var miaVariabile = 123;

function mia_funzione() {
  alert(miaVariabile);
}

In questo caso la variabile miaVariabile sarà accessibile ovunque ed è quindi definita “globale”.

Con tutto ciò si conclude qui un’ altra lezione di questa guida sulla programmazione Javascript, spero che come sempre sia tutto chiaro e per qualsiasi spiegazione o chiarimento basta contattarmi ad uno dei miei indirizzi di contatto o tramite l’apposito modulo dei contatti, infine come al solito vi invito a lasciare un mi piace a questo articolo e vi auguro un buon proseguimento. In quanto a noi ci rivediamo alla prossima lezione di questa guida ciao! 😉

The following two tabs change content below.
Raffaele Tufano
Per avere ulteriori infomazioni riguardo l' utente, si prega di visitare la seguente pagina
Condividi

Copyright © 2016. All Rights Reserved.

Raffaele Tufano

About Raffaele Tufano

Per avere ulteriori infomazioni riguardo l' utente, si prega di visitare la seguente pagina

Lascia un commento